Guida definitiva: SEO per e-commerce

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Seo per e-commerce

Non c’è dubbio che posizionarsi più in alto dei vostri concorrenti su Google è un must. Ma, cosa succede se non conosci i consigli e i trucchi SEO che porteranno il tuo sito di e-commerce in cima? Se ti mancano i clic, probabilmente ti mancano anche le vendite ecco perché abbiamo creato questa guida di SEO per e-commerce.

Se hai appena iniziato con un nuovo sito web o se stai migliorando un sito esistente, questa guida completa fornisce utili suggerimenti tattici per migliorare la tua strategia SEO.

Di questi tempi, raggiungere la prima pagina non è sufficiente. Devi posizionarti al primo posto.

Nel 2011, Search Engine Watch ha riferito che uno studio di ricerca di Optify ha scoperto che “i siti web classificati al primo posto hanno ricevuto un click-through rate (CTR) medio del 36,4%; il numero due ha avuto un CTR del 12,5%; e il numero tre ha avuto un CTR del 9,5%”.

Un altro studio di Gabe Donnini a Marketing Land l’anno scorso ha sostenuto i risultati di Optify. Ha mostrato che “la quota di impressioni provenienti dalla prima posizione è quasi il doppio di quella della seconda posizione, illustrando veramente il valore del primo posto”.

Cosa significa questo in termini profani? Se non avete una forte strategia SEO in atto, state perdendo impressioni sul marchio, clic e vendite.

Seo per  ecommerce
La Seo per ecommerce ti aiuterà ad aumentare il fatturato del tuo shop

Parte 1: Ricerca

Prima di iniziare qualsiasi lavoro SEO (on-site o off-site), è necessario iniziare con la ricerca – ricerca delle parole chiave e ricerca dei concorrenti.

Perché?

La ricerca è il pezzo più importante della SEO per E-commerce. Puntare sulle parole chiave sbagliate può rovinare la vostra campagna generando traffico di bassa qualità e poche conversioni, e nessun business vuole questo!

A: Ricerca delle parole chiave

Ci sono tre aree principali su cui concentrarsi quando si conduce una ricerca di parole chiave:

1. Trova le parole chiave per la tua homepage e le pagine dei prodotti

Quando si tratta di ottimizzare le pagine più importanti del tuo sito web, dovresti considerare la rilevanza, il volume di ricerca e la difficoltà di posizionamento.

Suggerisco di scegliere parole chiave che sono altamente rilevanti per il vostro marchio o prodotti e che hanno un volume di ricerca medio-alto in uno dei vostri tool di SEO preferiti di seguito vi illustrerò i miei.

2. Individuare le parole chiave per gli argomenti del blog

La creazione di contenuti per il blog può aiutare a classificare la tua attività di e-commerce per ulteriori parole chiave che potrebbero non avere un posto sul tuo sito principale. Inoltre, puoi capitalizzare le parole chiave a coda lunga con il tuo blog.

Cosa sono le parole chiave a coda lunga? Sono ricerche uniche che le persone usano per trovare cose online. Consistono di più di una parola.

Per esempio, potrebbe sembrare una buona idea cercare di posizionarsi per “caffè” se vendete chicchi di caffè; tuttavia, i dati mostrano che i termini di ricerca “popolari” come “caffè” costituiscono “meno del 30% delle ricerche effettuate sul web”. Questo è dove entrano in gioco le parole chiave a coda lunga.

parole chiave popolari vs traffico long-tail

Secondo Moz, “Il restante 70% si trova in quella che viene chiamata la ‘coda lunga’ della ricerca. La coda lunga contiene centinaia di milioni di ricerche uniche che potrebbero essere condotte poche volte in un dato giorno, ma, se prese insieme, comprendono la maggior parte della domanda mondiale di informazioni attraverso i motori di ricerca”.

Con questo in mente, cercate parole chiave a coda lunga che hanno un alto volume di ricerca esatta (locale, non globale) e un basso punteggio di difficoltà. Dopo aver esaurito questa lista, si può iniziare a puntare a parole chiave di volume inferiore che sono ancora altamente rilevanti.

Nota: Non dovreste mai riempire le vostre pagine web o i post del vostro blog con parole chiave. Quando scrivi per il tuo blog, concentrati sullo sviluppo di grandi contenuti su argomenti che le persone vorranno leggere e condividere.

In sostanza, scrivete sempre per le persone, non per i motori di ricerca. L’algoritmo di Google ora premia i siti che creano grandi contenuti e penalizza i siti che riempiono di parole chiave o usano altre tattiche che possono essere viste come manipolative.

3. Evitare la cannibalizzazione delle parole chiave

La cannibalizzazione delle parole chiave si verifica quando più pagine dello stesso sito web cercano di classificarsi per la stessa parola chiave.

In un post su On Page SEO, Sean Work nota “Il problema con questo è che confonde i motori di ricerca. Si finisce per costringerli a scegliere quale pagina è più importante per quella particolare parola chiave tra il gruppo di pagine web. Questo indebolisce la vostra capacità di ottenere traffico per quella parola chiave”.

Quindi, cosa significa questo? Significa che non dovreste nemmeno scrivere un post sul blog usando una parola chiave su cui vi siete concentrati per una delle pagine della parte principale del vostro sito web.

Per evitare la cannibalizzazione delle parole chiave, elencate ogni pagina del vostro sito web su un foglio di calcolo con le parole chiave per le quali state cercando di classificarvi. Se ordinate la colonna delle parole chiave, non dovreste vedere alcun raddoppio delle parole chiave esatte.

B: Ricerca dei concorrenti

Dopo aver fatto la ricerca delle parole chiave, sei a metà strada! Ora è il momento di condurre la ricerca dei concorrenti. Dovresti considerare:

1. Quali sono le parole chiave su cui puntano i tuoi principali concorrenti?

Compila una lista di parole chiave che i tuoi concorrenti sembrano usare con la loro strategia SEO. Inoltre, dovreste guardare se hanno una Domain Authority (DA) più alta della vostra? Le loro pagine web hanno una Page Authority (PA) più alta della vostra?

Fortunatamente, Moz rende questo molto facile per voi. Puoi trovare le informazioni installando la barra degli strumenti gratuita di Moz.

Nella scheda Elementi di pagina, vedrai i meta dati e i tag di intestazione. Sarà come questo:

analisi della pagina web

Nella scheda Link Data, vedrai le informazioni di Page Authority e di ranking:

analisi pagina moz

Se i tuoi concorrenti hanno DA o PA significativamente più alti dei tuoi, potrebbe essere una buona idea concentrarsi su altre parole chiave, poiché competere contro di loro sarà molto difficile. Cercate di andare per vittorie più facili, se potete!

Per determinare il DA o il PA di qualsiasi sito o pagina web, basta installare la barra degli strumenti gratuita di Moz per Chrome o Firefox.

2. Dove prendono i loro link?

Una cosa davvero importante da ricordare è quella di estrarre una lista dei luoghi in cui i vostri concorrenti stanno ottenendo i loro link in entrata.

Per ottenere questa lista, è possibile utilizzare uno strumento come Ubersuggest. Ecco come trovare una lista di link in entrata al mio sito:

Passo #1: Inserisci l’URL e clicca su “Cerca”.

Passo #2: Clicca “Backlinks” nella barra laterale sinistra

Passo #3: Scorri verso il basso fino a “Backlinks”.

Ora avete un elenco completo di tutti i link in entrata al mio sito, insieme a:

  • Domain Score – Forza complessiva del sito web da 1 (basso) a 100 (alto)
  • Punteggio della pagina – Forza complessiva dell’URL da 1 (basso) a 100 (alto)
  • Tipo di link – Testo o immagine
  • Anchor Text – Il testo visibile in un hyperlink
  • First Seen – La prima volta che il robot Ubersuggest ha identificato il link
  • Last Seen – L’ultima volta che Ubersuggest ha confermato il link

Puoi tentare di ottenere un link da questi siti anche attraverso il blogger outreach, press outreach, o creando le tue pagine aziendali. Non preoccuparti, ci sono più informazioni su blogger e media outreach più avanti in questa guida!

Prima di raggiungere i siti della lista, per prima cosa cancella qualsiasi sito che abbia un basso punteggio DA. Ottenere un link in entrata da un sito con un basso punteggio DA in realtà può danneggiare il tuo ranking perché Google può sospettare che un cattivo sito ti stia linkando perché anche tu hai un cattivo sito. Buono a sapersi, giusto?

3. Com’è l’architettura del loro sito?

Guarda l’architettura del sito dei siti concorrenti. Com’è la loro navigazione? Quanto sono profondi i loro link? I negozi di e-commerce dovrebbero prestare particolare attenzione all’architettura per:

  • Prodotti popolari in una particolare categoria
  • Prodotti correlati
  • Prodotti più votati
  • Prodotti visti di recente

Una volta che hai un’idea di come le più grandi aziende del tuo settore organizzano la loro architettura, puoi decidere se vuoi seguire la stessa strada, seguirla con delle modifiche, o prendere una strada completamente diversa.

Secondo Moz nel 2011, “la maggior parte dei SEO sostiene che le pagine sepolte molto profondamente nell’architettura potrebbero non ricevere abbastanza link juice per essere visibili nelle classifiche dei motori di ricerca. Certamente, rimane vero che promuovendo il contenuto ‘in alto’ nell’architettura, si può migliorare il suo rango complessivo”.

Quindi, se vedete dei concorrenti importanti con un’architettura di navigazione profonda, non dovreste copiarli semplicemente perché sono un grande marchio.

4. Dal punto di vista della strategia, come potete differenziare il vostro sito web?

Questa domanda si collega strettamente a ciò che abbiamo appena discusso sull’architettura del sito. Cosa potete fare per il vostro sito che lo renderà diverso e migliore dei vostri concorrenti? Puoi migliorare l’architettura di navigazione? Come potete rendere il vostro sito più sociale? Aggiungerai un blog se i tuoi concorrenti non ne hanno uno? Fate una lista di azioni che potete intraprendere per assicurarvi che il vostro sito sia migliore dei loro per i consumatori.

Parte 2: Identificare i problemi attuali

Dopo aver condotto la tua ricerca sulle parole chiave e sui concorrenti, è il momento di iniziare a controllare il tuo sito per individuare i problemi che devono essere risolti. Le cose principali su cui raccomandiamo di concentrarsi nella fase di verifica sono:

A: Trovare rapidamente gli errori del sito

Mi piace usare Screaming Frog per trovare qualsiasi errore del sito. Screaming Frog è gratuito da usare e “analizza i link, le immagini, i CSS, gli script e le applicazioni del tuo sito web da una prospettiva SEO”. Poi, vi fornirà un riepilogo dei dati tra cui errori, reindirizzamenti, pagine duplicate, tag di intestazione mancanti, e così via. Fantastico!

Gli errori principali che vorrete correggere rapidamente includono:

Reindirizzare tutte le pagine 404 al contenuto effettivo

Cambiare i reindirizzamenti 302 in 301

Aggiornare le pagine con contenuti duplicati, i meta titoli e le meta descrizioni

Screaming Frog vi aiuterà a identificare quanto sopra e molti, molti altri errori del sito che vi aiuteranno a migliorare il vostro SEO e l’usabilità generale e il tasso di conversione.

B: Determinare la velocità del tuo sito web

Una volta che ti sei preso cura dei grandi errori, è il momento di concentrarsi sulla velocità del sito.

I visitatori non si fermeranno ad aspettare che un sito web lento si carichi. I tuoi clienti cliccheranno di nuovo su Google per trovare un sito più veloce, che probabilmente sarà un concorrente!

Infatti, la ricerca mostra che il 40% delle persone abbandonano un sito che impiega più di 3 secondi per caricarsi! Non perdere clienti perché il tuo sito è lento.

ogni secondo conta

Ecco perché è mega-importante che il tuo sito web si carichi velocemente. Se hai bisogno di un modo per testare la velocità del tuo sito web, usa uno strumento gratuito come Pingdom.

 test velocità sito web pingdom

Se ci vogliono più di 3 secondi per caricare il tuo sito web, puoi aumentare la velocità comprando più spazio sul server, usando un diverso CMS (per esempio, Magento è notoriamente lento, mentre WooCommerce è noto per essere veloce), o riducendo le dimensioni delle immagini e dei file.

Nell’esempio qui sopra, puoi vedere che Mashable si carica in meno di 2 secondi!

Per altri consigli su come aumentare la velocità del sito, guardate questo post di Neil Patel.

Parte 3: Ottimizzazione on-page

Mentre l’ottimizzazione off-page per i motori di ricerca (cioè il link building) è importante, l’ottimizzazione on-page è altrettanto importante. L’ottimizzazione on-page include tutte le azioni che prendi all’interno delle tue pagine web per aiutare il tuo sito a posizionarsi meglio.

Pensate all’ottimizzazione on-page come al frutto a portata di mano nel gioco del SEO. È possibile controllare questo, il che è fantastico.

Quando si tratta di ottimizzazione on-page, ci sono otto obiettivi chiave su cui è necessario concentrarsi:

  • Ottimizzazione delle parole chiave
  • Struttura del sito
  • Collegamento interno
  • Usabilità
  • Versione mobile del sito
  • Recensioni dei clienti
  • Ricchi frammenti
  • Integrazione dei social media

A: Ottimizzazione delle parole chiave

Come menzionato in precedenza in questa guida, si desidera ottimizzare la pagina e i post del blog sul tuo sito per una parola chiave. Al fine di ottimizzare una pagina, è necessario assicurarsi che la pagina abbia la parola chiave in luoghi strategici, tra cui:

  • Il titolo della pagina
  • Intestazioni
  • Sottointestazioni
  • Copia del paragrafo
  • Descrizioni del prodotto
  • Nomi dei file immagine
  • Tag alt delle immagini
  • Meta titolo e descrizione
  • URL

Quando crei gli URL, assicurati che siano user friendly. Questo significa che dovrebbero includere parole reali (la tua parola chiave) e non un sacco di numeri e di parole senza senso.

Inoltre, ricordati che il tuo meta titolo e le tue descrizioni non devono sembrare incomprensibili o essere pieni di parole chiave. Dovrebbero leggere come un annuncio, perché più alto è il tuo click-through rate (CTR), più in alto Google ti posizionerà nei suoi risultati. Ha senso, giusto?

Per esempio, quando cerco “prodotti promozionali per conferenze”, ecco due annunci che appaiono nella prima pagina:

Quale di queste due descrizioni ti spingerebbe a cliccare? Quella farcita di parole chiave o quella che vi attira con un beneficio (cioè imparare come i prodotti promozionali possono creare un impatto duraturo sulla vostra azienda)? Una volta che avete rotto in questo modo, l’ottimizzazione on-page comincia ad avere molto più senso.

B: Struttura del sito

Se state costruendo un sito web da zero o eseguendo un re-design, l’architettura delle informazioni è un must. Abbiamo parlato un po’ di architettura, ma tuffiamoci un po’ più in profondità.

Come sapete, una grande architettura può influenzare drasticamente l’usabilità del vostro sito web, le classifiche e le conversioni. Inoltre, una corretta pianificazione renderà l’espansione delle vostre linee di prodotti in futuro un gioco da ragazzi. Questo è particolarmente vero con i siti di e-commerce a causa delle dimensioni del sito.

Con l’usabilità in mente, usate uno strumento come LucidChart per creare un grafico dell’architettura delle informazioni del vostro sito web.

Concentrati sulla creazione di una “architettura piatta” per il tuo sito web, vale a dire un design che richiede il minor numero possibile di clic per andare dalla home page alla pagina del prodotto. In questo modo, la massima quantità di “link juice”, o autorità, passerà dalla tua home page alla tua pagina prodotto attraverso i link interni.

architettura del sito web

Poi, prendete i risultati della ricerca sulle parole chiave che avete fatto all’inizio, e basate la vostra architettura sulle parole chiave mirate in un modo che fornisce ancora ai vostri clienti e ai motori di ricerca un percorso logico dalla home page alle pagine dei prodotti.

Per esempio, se gestisci un negozio online di cibo per animali, la struttura del tuo sito potrebbe essere come questa:

cibo per animali

Naturalmente, questi esempi sono molto semplici, e il tuo sito potrebbe essere più complesso. Se siete completamente bloccati, contattate la comunità SEO attraverso un consulente, i blogger, o la sezione Q&A di Moz.com per assicurarvi di farlo bene la prima volta. Ci sono anche altre guide approfondite sull’architettura delle informazioni che possono essere trovate qui, qui e qui.

Il layout illustrato sopra ha ovviamente dei link dalla home page fino alla pagina del prodotto. È anche utile collegare tra le pagine e le categorie per distribuire “link juice” alle pagine che hanno una priorità più alta per il ranking. Sono sicuro che stai iniziando a capire ora!

Vuoi rendere i tuoi prodotti ricercabili. Aggiungere semplicemente una barra di ricerca a volte non basta. Se vuoi veramente distinguerti dalla concorrenza, usare strumenti come Doofinder può aiutarti a farlo.

doofinder ricerca siti e-commerce

Doofinder è un motore di ricerca intuitivo che può essere aggiunto in meno di 5 minuti al tuo sito e ti aiuterà ad aumentare le vendite in modo significativo.

C: Collegamento interno

Il prossimo passo è il linking interno. Potresti non averne mai sentito parlare prima, ma sono sicuro che sai cos’è. Questo è quando si collegano le pagine del tuo sito web ad altre pagine all’interno del tuo sito web.

Il linking interno ti permette di stabilire il tuo anchor text, che può aiutarti nel posizionamento per le tue parole chiave principali.

struttura del sito

Tuttavia, quando si tratta di collegamenti interni, dovresti essere sicuro di usarli con parsimonia. Se riempite tutte le vostre pagine di link interni, Google penserà che state cercando di fare qualcosa di sospetto. Google è intelligente e l’algoritmo lo capirà. Piuttosto, dovresti mettere i link interni solo dove è naturale farlo.

Inoltre, non aggiungere molti link con lo stesso identico anchor text. Google cerca la varietà di anchor text sia dai link in entrata che da quelli interni.

Infine, una volta che hai completato il tuo sito web, dovresti creare e inviare una mappa del sito a Google in modo che possa scansionare l’intero sito e indicizzare ogni pagina.

D: Usabilità

L’usabilità è super-importante per il SEO e per rendere felici i visitatori del tuo sito. Se il tuo sito di e-commerce ha una grande usabilità, i tuoi clienti inizieranno a visitare il tuo sito ripetutamente, che è l’obiettivo!

Una grande esperienza utente significa che un sito web è facile da usare, divertente e utile. Una grande esperienza utente significa anche che i tuoi utenti passeranno più tempo sul tuo sito.

Parte del tuo test di usabilità dovrebbe includere l’assicurarsi che ci siano meno passaggi possibili nel processo di checkout, assicurarsi che il processo di checkout funzioni senza problemi, dare al tuo visitatore modi rapidi per contattarti, rendere semplice per i visitatori navigare verso altre informazioni importanti, e garantire che il tuo sito si carichi velocemente.

Spesso raccomando di usare un widget di live chat. Questo funziona bene per aumentare i tassi di conversione e aumenta anche il tempo medio sul sito per sessione, che è ottimo per scopi SEO.

olark chat

Se stai cercando uno strumento di live chat, controlla Olark.

E: Versione mobile del sito

Sai quanto sta diventando caldo lo shopping mobile? Molte persone non solo navigano sul web, ma fanno anche acquisti attraverso dispositivi mobili, il che significa che è davvero importante avere una versione mobile-friendly del tuo sito.

Hai bisogno di essere convinto? Guarda queste statistiche:

Il 31% degli utenti di Internet mobile va online “per lo più” usando i loro telefoni (Pew, 2012)

Il 61% dei clienti che visitano un sito non compatibile con i dispositivi mobili sono propensi ad andare sul sito di un concorrente (IAB)

Il 58% degli utenti mobili si aspetta che i siti mobili si carichino altrettanto velocemente o più velocemente dei siti desktop (Google, 2011)

Molte aziende hanno avuto problemi con le versioni mobili dei loro siti web. Poiché hanno prodotto contenuti duplicati, ciò crea problemi di SEO e influenza l’algoritmo di Google per il tuo ranking.

Con l’avvento del responsive website design, è possibile codificare un sito in modo che funzioni su qualsiasi dispositivo (desktop, tablet, cellulare) senza creare più siti. Questa è una grande notizia per i siti di e-commerce.

Se non avete uno sviluppatore web nel vostro staff, potete acquistare e personalizzare un modello di responsive design da Themeforest.net o da qualsiasi altro sito di modelli.

Themeforest ha una selezione particolarmente buona di modelli di e-commerce.

F: Recensioni dei clienti

Naturalmente, un punto fermo per qualsiasi sito di e-commerce sono le recensioni dei clienti per ogni prodotto.

Secondo Internet Retailer, puoi aumentare il tuo tasso di conversione e-commerce del 14-76% aggiungendo le recensioni dei prodotti al tuo negozio online. Jupiter Research ha anche scoperto che il 77% dei consumatori legge le recensioni prima di acquistare online.

Oltre ad aumentare le conversioni, le recensioni dei clienti hanno anche un impatto positivo sul tuo SEO perché più recensioni = più contenuto, e recensioni frequenti = contenuto fresco, che Google ama vedere.

Per ottenere più recensioni dei clienti, è possibile utilizzare un plugin basato sulla ricompensa come l’opzione Review for Discount di WooTheme.

Puoi anche inviare un’email pochi giorni dopo che sai che un cliente ha ricevuto un prodotto chiedendo se ha bisogno di assistenza e, in caso contrario, vorrebbe lasciare una recensione. Semplici trucchi come questo aiuteranno davvero il tuo SEO!

G: Rich Snippets

Se avete usato Google di recente, probabilmente avete notato risultati che assomigliano a questo:

14 rich snippet

O questo…

15 rich snippet

Questi sono “rich snippet” e hanno un enorme impatto sul ranking di un sito web.

Ci sono tipi di rich snippet per autori, informazioni commerciali, eventi, album musicali, persone, prodotti, ricette, recensioni e video.

I rich snippet sono bit codificati in HTML che dicono ai motori di ricerca ciò che gli utenti dovrebbero essere in grado di capire sul tuo sito web prima ancora di cliccare per vederlo.

Quando le persone vedono i risultati in Google con le immagini, è più probabile che clicchino e si convertano in un cliente.

Per installare i rich snippets, segui queste istruzioni:

Entrate nel vostro HTML di ogni pagina su cui volete i rich snippets.

Aggiungi i microdati per il rich snippet desiderato. Leggete questa guida di HubSpot per sapere come ottenere il codice appropriato. Poi, pubblica le modifiche.

Prova per assicurarti che funzioni qui: http://www.google.com/webmasters/tools/richsnippets.

H: Integrazione dei social media

Un sito di e-commerce non sarebbe completo senza i social media! I segnali dei social media (crescere la tua comunità, impegnarsi con i clienti e condividere i contenuti) hanno un impatto sul tuo SEO.

fattori di ranking

Avere molti segnali sociali dice a Google che le persone trovano il tuo sito web e il tuo marchio di valore.

Puoi iniziare a far crescere i tuoi segnali sociali rapidamente aggiungendo i pulsanti sociali alle pagine dei tuoi prodotti, ai post del blog e alla homepage.

Secondo Jayson DeMers di Forbes, “Una presenza sociale di marca può aiutare a costruire il passaparola che ti porta clienti, menzioni e link”.

Forse il canale numero 1 dei social media da impostare e su cui impegnarsi è Google+. Forbes dice: “Google è stato esplicito che i segnali sociali giocano un ruolo nel suo algoritmo. Twitter e Facebook contano un po’, ma molti dei risultati di ricerca da entrambe le reti sono limitati. Pertanto, la rete che ha più peso è Google+”.

Parte 4: Ulteriori test

Dopo aver lavorato sul vostro SEO on-page (compresa l’usabilità), è importante mettere in atto una strategia di test e ottimizzazione.

Si dovrebbe:

Usare l’analisi per vedere quali parole chiave stanno convertendo di più

Usare le campagne PPC per trovare le parole chiave ad alta conversione che dovresti aggiungere alla tua strategia SEO

Testare i meta titoli e le descrizioni per aumentare i click-throughs

Testare il contenuto delle pagine per aumentare le conversioni dal traffico web

Avere una forte strategia di test in atto aiuterà i tuoi risultati a continuare a migliorare. Senza un’iterazione costante, le tue classifiche potrebbero cadere e potresti perdere lead o vendite a causa di un povero tasso di conversione.

Parte 5: Aggiungere il contenuto del blog

Come menzionato nella Parte 1: Ricerca, la ricerca delle parole chiave è cruciale per qualsiasi strategia SEO. Poiché ogni pagina del vostro sito dovrebbe essere ottimizzata per una sola parola chiave, ci saranno molte parole chiave importanti che non entrano in una pagina del vostro sito.

Il modo per posizionarsi per quelle parole chiave è attraverso un blog. Con un blog, è possibile ottimizzare ogni post per una parola chiave che non si sta puntando con le pagine principali del tuo sito.

Come per le pagine del tuo sito web, i post del tuo blog devono essere di alta qualità e di facile lettura. Dovreste assumere uno scrittore esperto e professionale che non solo capisce il vostro settore, ma ha anche una conoscenza di base del SEO.

Se i tuoi post sono pieni di parole chiave o di bassa qualità, i tuoi clienti non li leggeranno e certamente non li condivideranno. Inoltre, come sapete, Google vi penalizzerà per il keyword stuffing e non guadagnerete nemmeno punti di segnale sociale.

Quando stai creando contenuti per il blog, considera la possibilità di confezionare insieme vari post sullo stesso tema in un eBook scaricabile o in una guida.

Kyle Lacy, Senior Manager di Content Marketing e Ricerca per ExactTarget dice: “Il contenuto di un eBook può essere facilmente pubblicato nella sua interezza o come contenuto teaser per guidare più interazione, download e interesse generale nel tuo eBook. Fondamentalmente, quando si tratta di content marketing, il vostro obiettivo non dovrebbe essere quello di generare una tonnellata di contenuti, ma piuttosto utilizzare il contenuto che si crea in modo efficace”.

Per esempio, se sei un e-commerce che vende gioielli, potresti scrivere una serie di post su come selezionare il diamante perfetto per un anello di fidanzamento, come finanziare il costo dell’anello, e potresti anche includere suggerimenti creativi e romantici per una proposta memorabile. Poi, si potrebbe confezionare quei post insieme in un eBook scaricabile o una guida.

L’eBook o la guida potrebbe essere scaricato dopo che gli acquirenti hanno inserito il loro indirizzo e-mail in un modulo di generazione di lead o in una landing page.

In seguito, potresti inviare loro una serie di email di vendita e di marketing che spingono il potenziale acquirente ad acquistare l’anello di fidanzamento dal tuo negozio.

Mentre metti insieme questo tipo di campagna di content marketing e di email, ricorda che quando si tratta di scrivere qualsiasi contenuto web, pensa sempre alla qualità!

Parte 6: Link Building

Simile al contenuto, vorrete concentrarvi sul guadagnare link in entrata di qualità, quando si tratta di link building.

Non solo Google penalizzerà il vostro sito se un sacco di siti di bassa qualità sono collegati a voi, ma anche il traffico di riferimento non farà nulla di positivo per il vostro business.

Un link in entrata di bassa qualità sarebbe un link da un sito web di bassa autorità. (Ricordate: è possibile utilizzare la barra degli strumenti di Moz per vedere rapidamente il livello di autorità di qualsiasi dominio, come abbiamo discusso prima!)

Di solito puoi riconoscere un sito di bassa qualità semplicemente guardandolo. Essi tendono ad essere pieni di annunci e contengono contenuti scritti male e pieni di parole chiave.

A proposito di questo, le content farm (siti che accettano guest post da chiunque su qualsiasi cosa) di solito vi forniranno un link di bassa qualità. A Google non piacciono le content farm, quindi stai lontano da loro se puoi!

Invece, concentrati sul guadagnare link da siti veramente buoni e di alta autorità offrendo loro qualcosa di valore in cambio di un link.

Puoi farlo offrendo un guest post di alta qualità, fornendo una citazione per una storia, co-autore di una ricerca, mettendo insieme una grande infografica, e così via.

Prova ad usare un servizio gratuito come HARO (Help a Reporter Out) per trovare opportunità di stampa.

Ecco alcuni tipi di link più adatti ai siti di e-commerce:

  • Recensioni di prodotti (usa l’e-mail)
  • dsw scrivere una recensione
  • Menzioni alla stampa (usa HARO)
  • Contenuto impressionante (impara come con gli ebook gratuiti di Copyblogger)
  • Costruzione di link rotti (impara come in questa infografica di QuickSprout)
  • Una nota veloce sulla costruzione di link rotti: mentre è un mezzo efficace per generare link in entrata, dovrebbe essere in basso nella lista delle priorità.

Secondo Dana Lookadoo, presidente di Yo! Yo! SEO:

“La costruzione di link rotti non è un obiettivo primario in un nuovo progetto SEO, di solito. Un audit SEO scoprirebbe i bisogni, e da lì verrebbe sviluppata una lista di azioni prioritarie. I problemi di architettura dell’informazione di solito hanno la priorità e poi una pulizia di tutti i problemi che influenzano l’autorità del sito e la fiducia agli occhi dei motori di ricerca. Una volta che il SEO on-site e la strategia dei contenuti sono solidi, allora la costruzione di link rotti può essere considerata come parte degli sforzi off-site [link building]”.

Mentre lavorate attraverso la lista di compiti di link building di cui sopra, tenete a mente che quando si tratta di link building, non dovreste:

  • Usare lo stesso anchor text ripetutamente – vai per la varietà
  • Collegarsi ripetutamente alla stessa pagina – collegarsi alla pagina più rilevante
  • Ottenere link da siti web di bassa autorità

Naturalmente non sarete sempre in grado di controllare l’anchor text o a quale pagina si guarda, ma va bene così. Questo probabilmente porterà alla varietà in modo naturale.

Se avete un rapporto stretto con il proprietario del sito, potreste chiedere gentilmente un anchor text specifico, ma altrimenti dovreste solo dire grazie e non disturbare la persona per cambiare l’anchor text o il link. È meglio stabilire relazioni positive con siti di alta autorità piuttosto che litigare per un link, che da solo non farà male al vostro SEO.

Parte 7: Consigli per i business locali

Sei un’azienda locale? Se sei un’attività di tipo brick-and-mortar, vorrai assicurarti di avere il tuo nome, indirizzo e numero di telefono (NAP) per tutte le sedi sul tuo sito web. Devi usare la stessa formattazione del NAP in tutti i siti web.

Inoltre, dovresti presentare la tua attività a tutte le principali directory e a tutte le directory di nicchia che hanno senso. (Devono essere rilevanti per il tuo business.) Dovresti anche usare parole chiave basate sulla posizione nelle tue descrizioni, dove appropriato.

Tutto questo è molto importante perché Google mescola le classifiche di ricerca locale e organica. Secondo il Dr. Pete di Moz, c’è una “opportunità per i siti che potrebbero essere deboli sui fattori di classifica organici” per essere comunque “decentemente ottimizzati per il locale”.

Egli sostiene anche che “c’è una potenziale opportunità per alcuni dei risultati organici di rango inferiore per essere promossi sopra altri risultati organici migliorando i loro fattori di ranking locale”.

risultati di ricerca

Se vuoi trovare le directory in cui si trovano i tuoi concorrenti, prova Whitespark Local Citation Finder.

Parte 8: I migliori strumenti SEO

Sia che tu faccia parte di un team SEO o che tu sia uno stratega solitario, ci sono molti strumenti SEO sul mercato per aiutarti a ottimizzare le tue classifiche. E io ti parlerò dei nostri strumenti preferiti che usiamo.

Ecco i miei strumenti SEO preferiti:

L’utilizzo di una combinazione di questi strumenti vi aiuterà a semplificare il vostro processo SEO e può fornire i dati necessari per aiutarvi a prendere decisioni intelligenti che portano a classifiche migliori. Il lavoro effettivo spetta ancora a voi.

Fallo!

Ci sono molte ragioni per cui dovreste ottimizzare il vostro sito per i motori di ricerca, ma la linea di fondo è quella di aumentare le vendite.

Quando il SEO è fatto bene, vedrete un aumento del traffico di qualità, che porterà a più conversioni e visitatori ripetuti.

Prima di iniziare, capite questo: Il lavoro di SEO non è un affare una tantum. Google e gli altri principali motori di ricerca aggiornano costantemente i loro algoritmi per portare i migliori risultati ai ricercatori. A causa di questo, dovrete stare in cima agli aggiornamenti e regolare la vostra strategia di conseguenza.

Non c’è dubbio che il lavoro di SEO richiede molto tempo e dedizione, ma i benefici ne valgono la pena, e spero che questa guida ti aiuti a mettere in atto la tua strategia SEO per aumentare le vendite del tuo sito di e-commerce!

Informazioni sull’autore: Chris è l’amministratore delegato di TOFU Marketing, un’agenzia di internet marketing che aiuta le startup a migliorare la loro crescita.

Stefano Finoti

Stefano Finoti