SSD VS HDD: Quale server scegliere per migliorare la SEO?

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
SSD vs HDD

Scopri le differenze tra SSD vs HDD, i formati disponibili, come si confrontano in termini di capacità, velocità, potenza e altro.
Scegliere lo storage giusto non significa solo confrontare la capacità e il costo. Il tipo di archiviazione usato dal tuo computer è importante per le prestazioni, compreso il consumo di energia e l’affidabilità. Le unità a stato solido (SSD) e le unità a disco rigido (HDD) sono le due principali opzioni di archiviazione da considerare. Ecco una guida rapida sull’uso migliore per ciascuno di essi e su come confrontarli.

Cos’è un HDD?

Gli HDD sono considerati una tecnologia legacy, il che significa che sono in giro da più tempo degli SSD. In generale, hanno un costo inferiore e sono pratici per i dati che non hanno bisogno di un accesso frequente, come i backup di foto, video o file aziendali. Sono disponibili in due fattori di forma comuni: 2,5 pollici (comunemente usato nei computer portatili) e 3,5 pollici (computer desktop).


Un HDD è un dispositivo di immagazzinamento dati che vive all’interno del computer. Ha dischi rotanti all’interno dove i dati sono immagazzinati magneticamente. L’HDD ha un braccio con diverse “teste” (trasduttori) che leggono e scrivono dati sul disco. È simile a come funziona un giradischi, con un disco LP (hard disk) e un ago su un braccio (trasduttori). Il braccio muove le testine sulla superficie del disco per accedere ai diversi dati.

Cos’è un SSD?

Le SSD hanno ottenuto il loro nome – stato solido – perché usano dispositivi a stato solido sotto il cofano. In un SSD, tutti i dati sono memorizzati in circuiti integrati. Questa differenza dagli HDD ha un sacco di implicazioni, soprattutto in termini di dimensioni e prestazioni. Senza la necessità di un disco rotante, gli SSD possono ridursi alla forma e alle dimensioni di una gomma da masticare (il cosiddetto fattore di forma M.2) o addirittura piccoli come un francobollo.

La loro capacità – o quanti dati possono contenere – varia, rendendoli flessibili per i dispositivi più piccoli, come i portatili sottili, i convertibili o i 2 in 1. E gli SSD riducono drasticamente il tempo di accesso poiché gli utenti non devono aspettare che la rotazione del piatto si avvii.

Gli SSD sono più costosi degli HDD per quantità di memoria (in gigabyte (GB) e terabyte (TB)), ma il divario si sta chiudendo poiché i prezzi degli SSD diminuiscono a un ritmo più veloce dei prezzi degli HDD anno dopo anno.

SSD vs. HDD: velocità


Ciò che rende gli SSD una scelta sempre più popolare è la loro velocità. In generale, gli SSD superano gli HDD perché usano circuiti elettrici e non hanno parti fisiche in movimento. Questo porta a tempi di attesa più brevi quando si avvia e meno ritardi quando si aprono le applicazioni o si fanno compiti di calcolo pesanti. Per esempio, l’Intel SSD D5-P5316 è un SSD di livello enterprise da 15,36TB che offre oltre 7000 MB/s di larghezza di banda. Il Seagate Exos 2×14 da 14TB, un HDD compatibile, offre solo fino a 500 MB/s di larghezza di banda. È una differenza di 14x!1

Queste velocità più elevate portano a benefici di prestazioni in diverse aree, come quando si accede e si aspetta l’avvio di applicazioni e servizi, o quando si eseguono attività che richiedono molta memoria come la copia di un file di grandi dimensioni. Con un HDD, le prestazioni rallentano significativamente, mentre un SSD può continuare a lavorare su altre attività.

La velocità è anche influenzata dall’interfaccia usata in un SSD vs. HDD che si connette al resto del sistema del computer quando si trasferiscono i dati avanti e indietro. Potresti aver sentito parlare di queste interfacce: SATA e PCI Express (PCIe). SATA è una tecnologia più vecchia, più lenta e tradizionale, mentre PCIe è più nuova e più veloce. Gli SSD con interfacce PCIe saranno in genere molto più veloci degli HDD con SATA perché PCIe contiene più canali per trasferire i dati. Pensate al numero di auto che possono percorrere una strada di campagna a una corsia rispetto a un’autostrada a quattro corsie.

Anche se nessuno si lamenta mai che il proprio computer sia troppo veloce, ci sono momenti in cui un HDD può avere senso. Se hai terabyte di file che vuoi archiviare, gli HDD sono ancora un’opzione meno costosa, anche se questo sta cambiando con i prezzi sempre più bassi degli SSD e le nuove tecnologie NAND che portano le densità di bit più alte per die NAND.

Le decisioni sull’archiviazione dei computer possono essere semplificate pensando ai dati come freddi o caldi. I dati “freddi” potrebbero includere gli anni di foto che vuoi conservare sul tuo portatile ma che non guardi tutti i giorni e a cui non hai bisogno di accedere rapidamente. Gli HDD possono essere una scelta eccellente e conveniente per i dati freddi.

All’altra estremità dello spettro, se sei un’azienda che esegue transazioni in tempo reale, modifica video e foto e hai bisogno di un accesso veloce a un database di file, video clip o modelli, o anche solo l’esecuzione del sistema operativo, si parla di dati “caldi”. Le prestazioni veloci degli SSD li rendono una scelta ideale per quando l’accesso veloce ai tuoi dati è ciò che conta di più.

SSD vs. HDD: resistenza

Il grado di usura in scrittura di un SSD NAND dipende in parte dallo stato dei dati già presenti sul disco, perché i dati vengono scritti in pagine ma cancellati in blocchi. Quando si scrivono dati sequenziali su un SSD relativamente nuovo, i dati possono essere scritti in modo efficiente su pagine successive e libere sul disco. Tuttavia, quando piccoli blocchi di dati devono essere aggiornati (come nella revisione di documenti o valori numerici), i vecchi dati vengono letti in memoria, rivisti e poi riscritti su una nuova pagina del disco. La vecchia pagina, che contiene dati deprecati, viene marcata come non valida.

Quando le pagine libere non sono più disponibili, quelle pagine “non valide” vengono liberate per essere utilizzate in un processo in background chiamato “deframmentazione” o “livellamento dell’usura”. Tutte le pagine valide esistenti in un dato blocco devono prima essere copiate in altre posizioni libere sull’unità in modo che il blocco originale contenga solo pagine non valide e deprecate. Il blocco originale può quindi essere cancellato per liberare spazio per la scrittura di nuovi dati.

I processi interni di manutenzione della NAND, come il livellamento dell’usura, portano all’amplificazione delle scritture, dove il totale delle scritture interne su una SSD è maggiore delle scritture richieste per mettere semplicemente nuovi dati sull’unità. Poiché ogni scrittura degrada leggermente le singole celle NAND, l’amplificazione da scrittura è una causa primaria di usura.

I processi integrati aiutano gli SSD NAND a distribuire l’usura in modo uniforme in tutto il drive. Ma la linea di fondo è che i carichi di lavoro pesanti di scrittura (scritture casuali, in particolare) fanno sì che le SSD NAND si usurino più velocemente di altri modelli di input/output (I/O) perché comportano una maggiore amplificazione della scrittura.

La buona notizia è che la resistenza a livello di unità SSD è sempre specificata tenendo in mente i modelli di scrittura casuale del caso peggiore. Per esempio, quando si sente dire che un’unità può fare una scrittura al giorno, significa che si può scrivere almeno un’intera unità di dati usando quell’uso di scrittura casuale ogni giorno durante il periodo di garanzia dell’unità (in genere 5 anni).

Confronto testa a testa: SSD vs HDD


Per quanto riguarda la capacità, gli SSD per computer sono disponibili in capacità da 120GB a 30,72TB, mentre gli HDD possono andare ovunque da 250GB a 20TB. Quando si misura il costo per capacità, gli HDD sono in cima, ma con il calo del prezzo degli SSD, questo diventerà meno un fattore di differenziazione per gli HDD. Tuttavia, con gli SSD, si ottiene molto più lavoro per server, il che si traduce in un minor numero di dispositivi impiegati per ottenere lo stesso risultato di un HDD. Il risultato? Gli SSD hanno un TCO (costo totale di proprietà) inferiore.

L’affidabilità è definita come se i dati sono memorizzati come previsto, in uno stato non corrotto. Gli SSD in generale sono più affidabili degli HDD, che ancora una volta è una funzione dell’assenza di parti mobili. Questo perché senza movimento, gli SSD non sono affetti da vibrazioni o da problemi termici correlati.

Gli SSD comunemente usano meno energia e risultano in una maggiore durata della batteria perché l’accesso ai dati è molto più veloce e il dispositivo è inattivo più spesso. Con i loro dischi rotanti, gli HDD richiedono più energia all’avvio rispetto agli SSD.

Risparmi sui costi degli SSD rispetto agli HDD


È ben noto che gli SSD hanno prestazioni significativamente migliori degli HDD. Quasi altrettanto noto è il vantaggio di affidabilità degli SSD. Dati questi vantaggi intrinseci, gli SSD non hanno bisogno di replica per le prestazioni, e generalmente richiedono molta meno replica per l’affidabilità. Le maggiori prestazioni degli SSD si prestano anche a metodi di riduzione dei dati molto più efficienti degli HDD. La riduzione dei dati è il rapporto tra i dati host immagazzinati e lo storage fisico richiesto; un rapporto del 50% sarebbe equivalente a un rapporto di riduzione dei dati di 2:1.

Poiché la riduzione dei dati permette all’utente di memorizzare più dati di quelli presenti sull’hardware fisico, la capacità effettiva risultante è aumentata. Le tecnologie di compressione e deduplicazione possono diminuire notevolmente la capacità di archiviazione grezza necessaria per soddisfare un requisito di “capacità utilizzabile”.

Gli algoritmi moderni sono ottimizzati per gli SSD, approfittando delle loro prestazioni per consentire un alto rapporto di riduzione dei dati (DRR) mentre si forniscono prestazioni elevate alle applicazioni. Ad esempio, l’algoritmo di compressione Zstandard di Facebook raggiunge velocità di compressione e decompressione molto superiori a quelle di lettura/scrittura degli HDD, permettendo così l’utilizzo degli algoritmi sugli SSD in tempo reale.2 Un altro esempio è VMware vSAN, dove la compressione e la deduplicazione sono offerte solo in configurazioni all-flash.

In conclusione

Per quanto riguarda la SEO, la velocità di un sito web è diventata essenziale per avere un buon posizionamento organico sui motori di ricerca. Quindi sicuramente i server con unità a stato solido SSD sono scelta migliore per aumentare il nostro punteggio SEO.

Stefano Finoti

Stefano Finoti